Seleziona una pagina

“Siamo in una tempesta, non ne usciremo se non insieme”. Ricordiamo tutti le parole di Papa Francesco nella piazza San Pietro deserta due anni fa. Oggi festeggiamo a Tuscania il dono della vita e la testimonianza di fede dei santi Martiri Secondiano, Veriano e Marcelliano. Tempo in cui i Cristiani erano perseguitati. Anche oggi è tempo di persecuzioni. E anche Oggi noi tuscanesi imploreremo non solo per la nostra città ma per tutto il mondo la fine della pandemia e il dono della pace. Venti di guerra sempre in agguato, famiglie sempre più disunite, problemi legati al riscaldamento globale, sono tutti temi che interrogano la nostra fede e che ci invitano a rinforzare la nostra spiritualità e la nostra interiorità. Per questo, dopo due anni di assenza, incoraggiati sia dal nostro Vescovo Lino sia dall’amministrazione comunale, quest’anno riprenderemo la nostra tradizione della festa dei santi Martiri portando le loro reliquie alla Basilica di San Pietro, dove per secoli sono state conservate. Come si vede nella foto prima del grande terremoto del 6 febbraio 1971 i tuscanesi salivano sempre al colle romanico di San Pietro portando le sacre reliquie. Con questo segno quest’anno vogliamo dire alle nostre anime: nessun altro terremoto potrà scoraggiare la nostra fede, nessuna pandemia, nessuna guerra internazionale o all’interno delle nostre famiglie potrà mai metterci in ginocchio, potrà portarci alla disperazione o al non senso delle nostre vite. Per questo vogliamo riprendere l’antica usanza dei nostri padri e salire insieme alle reliquie dei santi al colle di San Pietro, perché no anche come segno penitenziale e di riparazione per i nostri peccati e di quelli del mondo intero, e per poter professare la nostra fede: fede nel Signore Risorto, fede che la morte è vinta, fede che la violenza non ha l’ultima parola, fede che Dio è Padre e non abbandona mai i suoi figli, fede che insieme possiamo farcela, fede che i nostri peccati sono perdonati, la stessa fede che vogliamo trasmettere ai nostri figli, la stessa fede che loro ci chiedono incessantemente, che solo noi possiamo dare loro, che solo noi possiamo testimoniare oggi a Tuscania. Già annunciamo a tutti che il prossimo anno vorremmo celebrare il sacramento della cresima nella festa dei Santi Martiri: sarà un segno grande per i nostri giovani e la nostra comunità.
Chi vorrà potrà seguire la diretta della processione (domenica 7 agosto ore 21.30) e della santa Messa (lunedì 8 agosto ore 18.30) in diretta streaming. Un grande Grazie ai Cultores Martirum, da subito entusiasti della proposta di salire a San Pietro, alla banda, alla corale Vignoli, ai musici e sbandieratrici del centro storico di Viterbo e ai figuranti che animeranno la nostra processione, alla croce rossa e alla protezione civile, a tutti i collaboratori, alla sovrintendenza e al comune di Tuscania, in particolare per la splendida illuminazione della Basilica di questi giorni.

dpp

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi