Seleziona una pagina

Isaìa 66,10-14c Salmo 65 (66) Gàlati 6,14-18 Luca 10,1-12.17-20
Difficile scegliere e rendere brevi i pensieri di questa liturgia di lode a Dio e all’uomo redento.
C’è soltanto da leggere per intero i testi citati. Ne suggerisco una specie di evidenziazione:
Gesù invita alla preghiera, non al lamento-rimprovero al quale siamo abituati: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!»
Se domanderemo al Padre, «farà scorrere, come un fiume, la pace e la gloria”. E “come una madre consola un figlio, così io vi consolerò».Attenzione, però: «A Gerusalemme sarete consolati»: a ‘quella Gerusalemme’ è necessario tornare per avere la capacità di comprendere e conoscere. Il Signore lì ci attende. Non altrove. Lì «La mano del Signore si farà conoscere ai suoi servi perché conta l’essere nuova creatura per ottenere pace e misericordia».
A coloro che hanno accolto la missione, Gesù annuncia: «Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi;
non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. Non passate da una casa all’altra».
«Quando non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: la polvere della vostra città noi la scuotiamo contro di voi». Anche a chi non vi accoglierà, però, annunciate: «sappiate che il regno di Dio è vicino».
Se pensassimo giusto fare divenire gli agnelli più forti dei lupi o ci imbrancassimo camuffandoci come i lupi per rendere possibile un dialogo con essi, non saremo accolti perché avremo portato con noi borsa, sacca, sandali; ci saremo fermati per essere ossequiati da tutti e saremo passati «da una casa all’altra» per prendere tutto ciò che sarà possibile assumere dei tornaconti dei lupi.
Non ci lamentiamo di non essere accolti come è abitudine comune: “Non viene nessuno. A nessuno ne importa nulla. Non c’è più nessuno”. A cosa si debbono convertire se noi ci siamo convertiti al mondo?
«Quando vi accoglieranno: ecco, io vi ho dato potere. Non rallegratevi perché i demòni si sottomettono a voi. Rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».
«Mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati e dite loro: È vicino a voi il regno di Dio» e dite: «Pace a questa casa!». Da quella prima missione «I settantadue tornarono pieni di gioia».
Cerchiamo di proporzionarci all’esempio dell’Apostolo Paolo: «Fratelli, quanto a me non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo».
«La grazia del Signore nostro Gesù Cristo sia con il vostro spirito, fratelli. Amen».

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi