CAMMINO SINODALE delle Chiese che sono in Italia

Lettera alle donne e agli uomini di buona volontà

Carissima, carissimo,
tu che desideri una vita autentica, tu che sei assetato di bellezza e di giustizia, tu che non ti accontenti di facili risposte, tu che accompagni con stupore e trepidazione la crescita dei figli e dei nipoti, tu che conosci il buio della solitudine e del dolore, l’inquietudine del dubbio e la fragilità della debolezza, tu che ringrazi per il dono dell’amicizia, tu che sei giovane e cerchi fiducia e amore, tu che custodisci storie e tradizioni antiche, tu che non hai smesso di sperare e anche tu a cui il presente sembra aver rubato la speranza, tu che hai incontrato il Signore della vita o che ancora sei in ricerca o nel dubbio…desideriamo incontrarti!

(altro…)

SAN PAOLO DELLA CROCE A TUSCANIA

di Mauro Loreti
Il 4 ottobre 1742 padre Paolo della Croce, fondatore dei Passionisti, programmò la predicazione di una santa missione a Toscanella, così allora si chiamava Tuscania, e comunicò il suo desiderio al vescovo Alessandro degli Abbati. Il 12 dicembre il vescovo manifestò la sua gioia per questa decisione ed il giorno 8 gennaio 1743 a Toscanella, nella cattedrale di San Giacomo Apostolo il Maggiore, il santo predicò la santa missione e diresse anche gli esercizi spirituali alle monache Clarisse di clausura nel monastero di San Paolo . In primavera egli visitò la Madonna del Cerro e ritrovò a Tuscania molto entusiasmo. Il santuario gli sembrò “devotissimo, in vera solitudine “ e le stanze utili per gli esercizi spirituali degli ecclesiastici e dei secolari. Poi il 10 luglio inviò la richiesta alla Città e , nel contempo, chiese alla Clarissa suor Colomba Geltrude Gandolfi di pregare Dio. (altro…)

SALVATORE SACCHI MAESTRO POLIFONISTA NELLA CATTEDRALE DI SAN GIACOMO APOSTOLO IL MAGGIORE DI TOSCANELLA NEL 1607

di Mauro Loreti
Nacque nel 1572 a Cerignola (Foggia), si dedicò fin da bambino allo studio della musica; fu a Roma dal 1602 alla scuola di Giovanni Pierluigi detto il Palestrina, dal nome della città natale, il massimo musicista italiano del Cinquecento , compositore ed organista del Rinascimento europeo, esponente di punta della scuola polifonica romana che aveva come caratteristica l’adozione costante dello stile a cappella cioè il canto polifonico a sole voci senza gli strumenti. Salvatore Sacchi divenne poi maestro di cappella nella cattedrale di San Giacomo Apostolo il Maggiore. (altro…)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi