Comunità Parrocchiale di Tuscania

Orario

SS. Messe

Orario

 Uffici

Celebrazione

Battesimi

Anniversari

Matrimonio

Oratorio

S. Luigi

Tuscania in finale a SANREMO al primo
FESTIVAL DELLA CANZONE CRISTIANA 2022 su RADIO VATICANA.
“Il babbo scrive e compone al pianoforte, il figlio arrangia e suona la chitarra, la mamma canta. L’altro figlio dal Cielo sorride e dirige l’orchestra. Aggiornamenti su www.paolofornai.org

La devozione a Sant’Antonio nelle campagne di Tuscania

Sant’Antonio Abate
Il 17 Gennaio, ricorrenza di Sant’Antonio Abate (251-356 d.c.), protettore degli animali domestici, era in passato una giornata particolarmente importante per la comunità contadina.
Già alcune settimane prima della festività il parroco, accompagnato dal sagrestano e da un chierichetto, si recava in ogni cascina per benedire gli animali allevati, spostandosi a piedi o in bicicletta attraverso sentieri e strade sterrate che l’inverno spesso innevava. Ricordo con tanta nostalgia quando insieme a don Dario si andava alla Carcarella, a San Giuliano e a Pian di Vico. Era per me una grande festa poichè vedevo le stalle con le vacche e tanti cavalli, muli, asini e tantissime pecore .
Una volta giunto nell’aia, il parroco si recava nella stalla ( dove solitamente venivano riuniti gli animali, compresi cani e gatti) e, dopo aver recitato con la famiglia contadina il Padre Nostro, con una benedizione implorava l’intercessione di Sant’Antonio Abate affinché mantenesse in salute gli animali presenti, aspergendo la stalla con acqua benedetta. leggi tutto…

Santo protettore degli animali: storia e miracoli di Sant’Antonio Abate

Sant’Antonio Abate è ricordato come il santo protettore degli animali, ma anche per le terribili tentazioni con cui il Demonio lo tormentò per anni. Ecco che cosa lo rende così speciale.
Tra le altre caratteristiche che lo contraddistinguono, Sant’Antonio aveva anche grandi capacità taumaturgiche che gli permisero di guarire molte persone affette da terribili malattie, oltre che liberarne altre da possessioni demoniache. Il culto del Santo e del potere taumaturgico delle sue reliquie ha origini in Francia a partire dal XII secolo, e nel tempo si utilizzò il suo nome anche per definire una grave forma di herpes, che coinvolge epidermide e terminazioni nervose: il famoso “fuoco di Sant’Antonio”. leggi tutto…

16 GENNAIO 2022 – II DOMENICA T. O. – Anno C

Isaìa 62,1-5; Salmo 96 (95); 1Cor 12,4-11; Giovanni 2,1-11

“A ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito”: lo Spirito del Signore si rende presente sempre “per il bene comune”. Noi lo vorremmo presente ogni volta che, personalmente, ci serve. Ma Dio non serve, Dio non è utile.
Affermazioni per lo meno strane? O insolite? Chi è la mamma, chi è Dio: a cosa servono la mamma e Dio? Parlando della mamma: la mamma stira, la mamma cucina. Parlando di Dio: Dio ama, Dio protegge, Dio aiuta. Conseguenze: La mamma serve, Dio serve … a fare qualcosa. Posso sentirmi contento se la lavatrice funziona bene; non posso sentirmi in dovere di gratitudine e di amore verso la lavatrice. Potrei essere contento se la mamma stira e se Dio mi ama; sono, invece, contento perché la mamma c’è, Dio c’è. Dio non “mi” ama; ama. E’ Amore. La mamma non è amore; lo imita: ama. leggi tutto…

DOMENICA 09 GENNAIO 2022 BATTESIMO DEL SIGNORE – Anno C

Isaìa 40,1-5.9-11 Salmo 103 (104) Tito 2,11-14; 3,4-7 Luca 3,15-16.21-22
Il Dio di Gesù è Padre
Figli miei,
«Consolate, consolate il mio popolo perché ha ricevuto dalla mano del Signore il doppio per tutti i suoi peccati».
Il peccato del mondo ha reso la Terra, dono di Dio, un “deserto”: siamo chiamati, in questo deserto, a chiedere a Gesù di caricare il peccato del mondo anche sulle sue spalle per sorreggere le nostre forze insufficienti ed a “preparare la via al Signore, spianare nella steppa la strada per il nostro Dio”.
La parola di uomini fatti terra e dimentichi dell’alito di Dio suggerisce risposte: “E’ difficile! Non ce la faccio. Troppo pesante per me; gli altri non collaborano. Da solo dove vado?”.
Eppure io “tirerei giù il cielo” (profeticamente il Musical sulla Madonna Addolorata e su tutte le mamme che hanno perso un figlio o una figlia, messo in scena dalla Compagnia di Teatro Musicale Paolo Fornai dell’Oratorio San Luigi di Tuscania, aiuterà a conoscere il mistero) per avere la capacità di essere concordi nello sconfiggere i mali dall’uomo iniziati e nel riportare l’Uomo a collaborare alla Creazione di nuovi Cieli e nuova Terra. leggi tutto…

06 GENNAIO 2022 – EPIFANIA DEL SIGNORE

Isaìa 60,1-6; Salmo 71 (72); Efesìni 3,2-3a.5-6; Matteo 2,1-12
Mistero
La parola “mistero” è, spesso, riferita a Dio come qualcosa di sconosciuto. Non trovo ragionevole credere, affidare la vita a qualcosa di inconoscibile.
Cosa vuol dire, allora, la parola “mistero”? Si può conoscerne almeno qualcosa?
Il mistero, è vero: “non è stato manifestato agli uomini delle precedenti generazioni”, ma “per rivelazione è stato fatto conoscere ai suoi santi apostoli e profeti per mezzo dello Spirito”. Con la venuta di Gesù e la sua prima manifestazione per opera dei Magi, il mistero è stato fatto conoscere.
Eccolo, il mistero non conosciuto: “Le genti tutte”, non solo gli Ebrei, “sono chiamate, in Cristo Gesù, a condividere la stessa eredità, a formare lo stesso corpo e ad essere partecipi della stessa promessa per mezzo del Vangelo”.
Tutto qui? Sì, tutto qui. leggi tutto…

Don Steno Santi

On Tuscia – il quotidiano della Tuscia on line lo ricorda con un toccante articolo di Mauro Loreti
Nacque a Tuscania il 21 novembre 1927. Dopo gli studi molto approfonditi il 26 giugno 1950 fu ordinato sacerdote dal vescovo Adelchi Albanesi nella basilica di San Pietro a Tuscania. Fu canonico della cattedrale di San Giacomo Apostolo il Maggiore e fu chiamato a Viterbo dove fu vicerettore del Seminario Interdiocesano, poi viceparroco di sant’Angelo in Spatha, e quindi Direttore spirituale nel Seminario. Insegnò Religione in molte scuole superiori. In seguito fu Rettore del seminario regionale della Quercia. Finalmente nel 1976 fu Parroco del Sacro Cuore a Tuscania e nel 1984 della cattedrale di san Giacomo. Ritornano alla mente le sue belle parole, il suo esempio e la sua testimonianza cristiana. leggi tutto…

02 GENNAIO 2022 II DOMENICA DOPO NATALE

Siràcide 24,1-4.12-16; Salmo 147; Efesini 1,3-6.15-18; Giovanni 1,1-18
All’inizio della epoca biblica il Dio di Israele, “per mezzo di Mosè, dette la Legge”.
“La grazia e la verità” vennero, però, dopo secoli, “per mezzo di Gesù Cristo: in Lui il Padre ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità, predestinandoci a essere per lui figli adottivi”.
La Sapienza annuncia a quanti accolgono Gesù di poter divenire figli di Dio: di questo possiamo vantarci e proclamare la sua gloria.
Dio, nessuno lo ha mai visto: Gesù, il Figlio unigenito, che è Dio ed è nel seno del Padre, è lui, lui stesso, che lo ha rivelato ed ha annunciato. Il Verbo si fece carne, lo chiamammo Gesù, venne ad abitare in mezzo a noi.
Se non avesse parlato Gesù, nulla conosceremmo del nostro Dio, Padre, Figlio, Santo Spirito.
Nel Figlio, Gesù è la vita, la luce degli uomini; i malvagi avrebbero voluto spegnerla innalzandolo sulla Croce, ma le tenebre non l’hanno vinta. leggi tutto…

01 GENNAIO 2022 MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

Numeri 6, 22-27; Salmo 66 (67); Gàlati 4,4-7; Luca 2,16-21

Al centro una Donna perché sia un Buon Anno!

Dio inviò il suo annuncio; Maria lo accolse e insegnò ad invocare Dio come “Padre!”.
Per la accoglienza di Maria al dono del Padre ogni persona “non è più schiavo, ma figlio”.
I pastori (gli unici, loro soli) andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il Bambino;
tornati dalla visita, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro.
Tutti si stupirono.
“Maria custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore”.
Come nel Cenacolo, al centro una Donna. leggi tutto…

VANGELO

Domenica 16 gennaio 2022
II Domenica T.O.

 

Liturgia della Settimana<div></div>

Foglietto S. Messa

Santa Sede

Vatican News

Famiglia Cristiana

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi